Altro

Prima / Dopo: espandere una cucina contemporanea

Prima / Dopo: espandere una cucina contemporanea

A capo di una famiglia numerosa e unita, i proprietari di questo appartamento Lyonnais situato nel sesto distretto sognavano una grande cucina, un luogo di passaggio e di vita, in cui tutti potessero mangiare, lavorare, leggere il giornale e fare i compiti. Hanno invitato Sylvain Perillat che, per soddisfare la loro richiesta, ha deciso di ampliare la vecchia cucina contemporanea e creare un'isola centrale. Scopri i luoghi nelle foto!

Combina due stanze per creare una cucina confortevole


prima: Per essere un altro, a volte solo un tocco di rossetto o un po 'di mascara sugli occhi. È lo stesso per questa piccola cucina dove tutto è cambiato, senza che nulla sia davvero cambiato! Originariamente, quindi: una minuscola cucina contemporanea progettata da Espace Contemporain - un cuoco regionale - e una camera per bambini adiacente. Non molto pratico per una famiglia mista! I proprietari hanno quindi invitato Sylvain Perrilat dell'agenzia SP Architect a ripensare completamente questi due spazi. Obiettivo: abbattere una parete e recuperare la superficie della vecchia stanza mantenendo una sezione del muro e gran parte degli elementi della cucina originale.

Un'isola centrale come filo conduttore


dopo: Per creare questo spazio di vita conviviale tanto ambito dai proprietari, l'architetto ha approfittato di un'isola centrale in modo che la famiglia potesse spostarsi facilmente attorno ad essa e vivere davvero nella stanza. Ciò è stato fatto in una finitura laminata e verniciato bianco. L'isola è parzialmente costituita da elementi alti della vecchia cucina, che sono stati recuperati e riutilizzati. Per compensare le differenze di livello tra le due parti originali, il pavimento è stato rifatto in anticipo. Quest'ultimo è stato coperto con un rivestimento in parquet uniforme per affrontare un problema acustico.

Una cucina piacevole e vivace


dopo: Uno dei vincoli del progetto era l'elaborazione della luce naturale. Quindi, per creare questa cucina funzionale, piacevole da vivere e immersa nella luce che la coppia voleva, l'architetto ha optato per una parete vetrata. Ciò consente di portare il massimo della luce nella hall adiacente alla cucina. E per consentirgli di prendere il possesso ideale dei locali, Sylvain Perrilat ha optato per un tetto di vetro in legno verniciato bianco. Infine, per uniformare il tutto, è stato creato un controsoffitto, decorato con faretti e una sospensione decorativa per avere due livelli di illuminazione.
Sylvain Perrilat, architetto SP