Commenti

Come sostituire il prato?

Come sostituire il prato?

Mantenere il prato non è sempre un compito facile! Vuoi rinunciare al tuo prato e alle sue faccende spesso impegnative, senza coprire il tuo spazio con una lastra di cemento? Stai cercando un'alternativa più economica e meno inquinante per il tuo giardino? Christian Chaize, direttore marketing operativo Nalod's Delbard ha deciso di esporci le possibili alternative per ottenere un comodo tappeto verde senza troppa manutenzione.

Quali sono i motivi alla base del fatto che in alcuni giardini il prato ha difficoltà a sopravvivere?

La manutenzione del prato dipende da molti fattori come: falciatura del prato, frequenza della falciatura e manutenzione in autunno. Se si consiglia di falciare 5/8 cm di altezza, è chiaro che molte persone hanno l'abitudine di falciare il prato troppo corto. Inoltre, non è raro vedere crescere erbacce e muschio. Si noti inoltre che un terreno povero di potassa, magnesio e calcio, uno spazio all'ombra e la mancanza di luce solare, una scarsa ventilazione del suolo e la sua acidità danno prati disastrosi senza dimenticare l'attacco di talpe, larve di rinforzo e funghi. È quindi essenziale prendersene cura regolarmente. Per riassumere, un prato manhandled ha segni inconfondibili: rari in alcuni punti, l'erba assume un aspetto brutto: diventa giallo, si secca e sembra un formaggio svizzero ricoperto di erbacce. Questa situazione può essere osservata dopo un'estate calda e secca su un prato esposto al sole. Altrimenti, vale a dire in una situazione molto ombrosa e umida, può apparire un feltro di muschio che soffoca il prato e promuove malattie.

Copertura sintetica, erba fiorita, copertura del terreno, ... ci sono molte soluzioni per sostituire un'erba. Potresti parlarci di queste diverse soluzioni?

Piante tappezzanti: Le piante tappezzanti non possono sostituire la morbidezza e la scorrevolezza del prato. In effetti, la maggior parte di loro prende di più dalla pianta che dall'erba. Tuttavia, alcuni: Cynodon, Zoysia tenuifolia chiamato mascareignes prato, Lippia nodiflora, Thymus serpyllum sembrano essere scambiati per prato con l'unica differenza che è un aspetto grossolano, meno estetico del vero prato. Questi presentano tuttavia molti vantaggi rispetto a un prato convenzionale: irrigazione limitata e assenza di falciatura. Dal lato della manutenzione, questo è ridotto a nulla. Pertanto, scarificazione, compostaggio e altre operazioni di manutenzione possono essere dimenticate in modo permanente. Si noti inoltre che queste piante traccianti possono adattarsi a terreni scoscesi e coprire aree difficili come la base di grandi alberi o per alcune situazioni di siccità prolungata. Inoltre, alcuni hanno il buon gusto della fioritura! Tenere presente, tuttavia, che queste piante non forniscono un risultato equivalente a quello di un prato inglese. Alcuni non tollerano il calpestio, altri perdono il fogliame in inverno, altri ancora crescono in modo irregolare. Quindi tocca a te adattare la scelta delle tue piante alla configurazione del tuo giardino! Il prato fiorito: Se vuoi scegliere un prato fiorito chiamato prato giapponese, è meglio installare un percorso. Non è un caso che i prati fioriti siano noti anche con il soprannome di "giardino giapponese". I giapponesi, infatti, hanno capito rapidamente che un giardino può essere apprezzato in base ai percorsi e che questi a loro volta consentono di preservare i graziosi fiori che lo punteggiano. Semplice e veloce da installare, se vuoi optare per questa soluzione dovrai semplicemente usare alcuni pennarelli con l'aiuto di pietre e poi falciare con attenzione i percorsi del tuo giardino. Pratico, dovrai solo mantenere il percorso regolarmente in modo che rimanga molto breve. Infine, ideale nei giardini in cui l'erba ha difficoltà a sopravvivere, apprezzerai il contrasto tra le alte erbe fiorite e i percorsi falciati.
Ghiaia: In molte parti del sud della Francia, mantenere un prato verde per tutta l'estate richiede grandi quantità di acqua per l'irrigazione. Esiste un'alternativa che è quella di sostituire il prato con ghiaia in alcune parti del giardino. La ghiaia verrà utilizzata solo come strato superficiale posizionato a terra. Le solite piante troveranno così il substrato ideale per il loro sviluppo, la ghiaia sostituirà semplicemente il prato. Una volta installati gli impianti, si diffonderà, su tutta la superficie, uno strato uniforme di sabbia, ghiaia, ciottoli o ciottoli (a seconda della scelta) di almeno 5 a 7 cm di spessore. Quindi questa è una soluzione particolarmente ecologica. Inoltre, non esitare a posizionare trucioli di legno o altro pacciame dal centro del giardino ai piedi delle piantagioni. Nota inoltre che la corona delle tue piante sarà sempre protetta dall'umidità in eccesso. Erba sintetica: L'erba sintetica sta diventando sempre più simile all'erba naturale ed è molto più resistente ai raggi UV e all'usura. Pertanto, anche l'erba sintetica a basso costo ha una resistenza e una resa abbastanza soddisfacenti. La differenza è fatta sul materiale dell'erba artificiale, sullo spessore, sui colori o persino sul trattamento resistente al fuoco. Secondo questi elementi, l'erba sintetica in rotolo può essere posizionata sul terreno seguendo le seguenti fasi: Spelatura della superficie esistente: diserbante sistemico, rotofil, timone, posa di un film anti-radice, aggiunta di sabbia in base al drenaggio del terreno o livello per raggiungere, srotolare i rulli e posizionare le strisce, adattando le strisce di giunzione, regolando le strisce, incollando, inchiodando sulla periferia e poi spazzolando. Tuttavia, non pensare che l'erba sintetica abbia degli svantaggi: il calore può farlo sciogliere, quindi è fortemente controindicato gettare sigarette o barbecue. È meglio assicurarsi che le scarpe siano pulite prima di calpestarle, con il rischio di vedere strisce di terreno marrone molto sgradevole sparse su di essa. Evita anche di indossare scarpe con borchie, gomme da masticare che saranno molto difficili da eliminare dalle fibre, ecc. Infine, nota che nel gelo, l'erba sintetica si indurisce, si consiglia vivamente di non calpestarla, a causa di possibili scivolamenti, ma anche perché le fibre si spezzerebbero.

Qualche consiglio per le persone che vorrebbero optare per una di queste soluzioni?

Secondo me, la soluzione migliore rimane l'erba tradizionale. In effetti, gli elementi naturali sono molto più piacevoli perché vivono e rassicurano le persone desiderose di verde. D'altra parte, se vuoi investire in un prato che dura nel tempo e inoltre, ecologico, non esitare a optare per l'erba artificiale. Mentre l'erba naturale ha una durata di 5 anni e consuma 3,7 litri / giorno / m², l'erba artificiale ha una durata stimata tra 15 e 30 anni e non consuma acqua .